Paziente Anziano con neoplasia polmonare
SIOG
ELCC European Lung Cancer Conference

impatto clinico di Crizotinib sulla progressione a livello del sistema nervoso centrale del cancro del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo


Il sistema nervoso centrale ( CNS ) è un sito di progressione preferenziale legato alla scarsa penetrazione di Crizotinib ( Xalkori ) nel sistema nervoso centrale nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo alla chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ) trattato con Crizotinib.
È stato valutato l'impatto clinico di Crizotinib sulla progressione del sistema nervoso centrale nel tumore NSCLC ALK-positivo.

Tra il 2006 e il 2015, 59 pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo, trattati con Crizotinib come inibitore di ALK iniziale, sono stati retrospettivamente valutati per le caratteristiche basali, la risposta iniziale a Crizotinib, lo stato di metastasi cerebrali al basale, e i modelli di progressione.

Su 59 pazienti, 48 ( 81% ) hanno ricevuto Crizotinib come trattamento di prima linea o di seconda linea per malattia avanzata o ricorrente.

Tra i 26 pazienti ( 44% ) che presentavano metastasi basali, 13 avevano metastasi basali non-trattate, e 13 erano stati precedentemente sottoposti a radioterapia intracranica o a un intervento chirurgico.

Il tasso di risposta globale per Crizotinib è stato del 66%, con una sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) di 9.7 mesi.

La progressione della malattia valutata con i criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi-malattia progressiva ( RECIST-PD ) si è verificata in 48 pazienti.

Il sistema nervoso centrale è stato il comune sito di progressione iniziale in 24 pazienti, comprendendo la progressione del sistema nervoso centrale isolata in 18 pazienti.

E’ stata riscontrata una sopravvivenza mediana libera da progressione significativamente più breve nei pazienti con metastasi cerebrale, rispetto ai pazienti senza metastasi cerebrale prima del trattamento con Crizotinib ( PFS mediana 6.7 mesi versus 10.2 mesi, P=0.0347 ).

L'analisi multivariata ha rivelato che uno scarso performance status ( PS ) ( 2 o più ) o metastasi cerebrali non-trattate sono associate con la durata della sopravvivenza libera da progressione ( performance status scarso: hazard ratio, HR=3.322, P=0.0078; metastasi cerebrali non-trattate: HR=2.314, P=0.0196 ).

Inoltre, il tempo per il verificarsi della progressione a livello del CNS dall'inizio della somministrazione di Crizotinib è risultato significativamente più breve nei pazienti con metastasi cerebrali, rispetto ai pazienti senza metastasi al cervello ( 11.1 mesi versus 22.1 mesi, P=0.0255 ).

In conclusione, il comune sito di progressione nei pazienti ALK-positivi, trattati con Crizotinib, è risultato essere il sistema nervoso centrale.
Lo stato di metastasi cerebrali era significativamente associato con la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti trattati con Crizotinib e con la comparsa di progressione del sistema nervoso centrale. ( Xagena2016 )

Yoshida T et al, Lung Cancer 2016; 97: 43-47

Xagena_OncoPneumologia_2016



Indietro