Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
ELCC European Lung Cancer Conference
SIOG

La coesistenza di delezioni omozigoti p16/CDKN2A e mutazioni attivanti EGFR nei pazienti con adenocarcinoma polmonare indica una scarsa risposta agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR


Le mutazioni attivanti EGFR ( recettore del fattore di crescita dell’epidermide ) sono fortemente predittive dell’attività dell’inibitore della tirosin-chinasi del recettore di EGF ( EGFR-TKI ) nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ).
Tuttavia, la resistenza primaria agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR si verifica in circa il 20-30% dei pazienti con tumore NSCLC con mutazioni nel gene EGFR.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se la delezione omozigote p16/CDKN2A sia associata alla resistenza primaria agli inibitori TK di EGFR nei pazienti con adenocarcinoma del polmone con mutazioni attivanti EGFR.

Sono stati studiati 127 pazienti con adenocarcinoma del polmone in stadio IIIB o IV che ospitavano mutazioni attivanti EGFR e che avevano ricevuto gli inibitori tirosin-chinasici di EGFR come terapia di prima linea.

L’ibridazione in situ con fluorescenza a due colori per p16/CDKN2A e cromosoma 9 è stata eseguita in campioni bioptici tumorali ottenuti prima dell'inizio del trattamento con inibitore TK di EGFR.

La delezione omozigote p16/CDKN2A è stata rilevata nel 24.4% ( 31/127 ) dei pazienti, e il tasso di risposta globale nei pazienti con e senza questa mutazione è stato, rispettivamente, del 48.4% e del 78.1% ( P=0.0027 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.3 mesi per i pazienti con delezione omozigote p16/CDKN2A e 10.5 mesi per i pazienti senza la mutazione ( P=0.001 ).

Non sono state trovate correlazioni tra delezione omozigote p16/CDKN2A e caratteristiche del paziente, tra cui sesso, età, storia di fumo, tipo di mutazione EGFR, stadio tumore-linfonodo-metastasi e performance status.

In conclusione, lo studio ha dimostrato che la coesistenza della delezione omozigote p16/CDKN2A e le mutazioni attivanti EGFR nei pazienti con adenocarcinoma polmonare indicano una scarsa risposta alla terapia con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR. ( Xagena2016 )

Jiang J et al, Lung Cancer 2016; 102: 101-107

Xagena_OncoPneumologia_2016



Indietro