Lung Unit
BMS
Novartis
Tumori GenitoUrinari

Capmatinib nei pazienti con carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule ed amplificazione di MET di alto livello: risultati dello studio GEOMETRY mono-1


Nello studio GEOMETRY mono-1, multicoorte, di fase 2, Capmatinib ( Tabrecta ) ha mostrato efficacia nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione METex14 che erano stati pretrattati ( coorte 4 ) o naïve al trattamento ( coorte 5b ).

I ricercatori hanno riportato l'efficacia e la sicurezza di Capmatinib nei pazienti con tumore NSCLC avanzato con amplificazione del gene MET di alto livello ( numero di copie del gene [GCN] maggiore o uguale a 10 ), in fase avanzata, che sono stati pretrattati con 1 o 2 precedenti linee di terapia sistemica o naïve-al-trattamento.

I pazienti adulti ( 18 anni o età superiore ), ECOG PS 0-1, che avevano tumore NSCLC, ALK e EGFR wild-type, stadio IIIB/IV ( qualsiasi istologia ), amplificazione di MET con GCN maggiore o uguale a 10, hanno ricevuto Capmatinib 400 mg due volte al giorno ( a digiuno ).

Gli endpoint primari e secondari chiave erano il tasso di risposta globale ( ORR ) e la durata della risposta ( DOR ), rispettivamente, mediante valutazione del Comitato di revisione indipendente in cieco ( BIRC ) secondo i criteri RECIST v1.1.
Altri endpoint secondari includevano il tasso ORR, la durata DOR, il tasso di controllo della malattia ( DCR ) valutati dallo sperimentatore, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS, valutazione BIRC e dello sperimentatore ), sopravvivenza globale ( OS ) e sicurezza.

A partire da gennaio 2020, 84 pazienti erano valutabili per l'efficacia ( coorte 1a [ 2a/3a linea ], 69 pazienti; Coorte 5a [ 1a linea ], 15 pazienti ).
Il trattamento era in corso per 3 pazienti nella coorte 1a, nessuno nella coorte 5a.

Secondo la valutazione BIRC nelle coorti 1a e 5a, il tasso di risposta totale è stato rispettivamente del 29% e del 40%, la durata mediana della risposta è stata di 8.31 mesi ( 20 responder, IC 95%: 4.17-15.44 ) e 7.54 mesi ( 6 responder, IC 95%: 2.56-14.26 ), e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 4.07 ( IC al 95%: 2.86-4.83 ) e 4.17 ( IC al 95%: 1.45-6.87 ) mesi.

La valutazione dello sperimentatore era in linea con la valutazione BIRC.

Gli eventi avversi più comuni in tutte le coorti ( maggiore o uguale al 25%, tutti i gradi, N = 364 ) sono stati edema periferico ( 51.1% ), nausea ( 44.8% ) e vomito ( 28.0% ).

In conclusione, Capmatinib ha dimostrato attività nel sottogruppo di pazienti con tumore NSCLC ed amplificazione di MET di alto livello ( GCN maggiore o uguale a 10 ), con un tasso di risposta più elevato nei pazienti naïve-al-trattamento.
Il profilo di sicurezza è rimasto favorevole e simile ai precedenti report di Capmatinib. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoPneumologia_2020



Indietro