Janssen Oncology
Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito

Fattori clinici, patologici e di trattamento associati alla sopravvivenza dei pazienti con tumori polmonari primari del tipo a ghiandole salivari


I tumori polmonari primari del tipo a ghiandole salivari ( p-SGT ) sono rari, con caratteristiche clinico-patologiche e sopravvivenza poco conosciute.
Ci sono solo pochi casi clinici o piccole serie di casi, e devono ancora essere identificati i fattori associati alla sopravvivenza.

È stato condotto uno studio di coorte di popolazione utilizzando i dati di pazienti con p-SGT primari diagnosticati istologicamente nel database SEER ( Surveillance, Epidemiology and End Results ) tra il 1988 e il 2013.
È stata effettuata una analisi di abbinamento per propensione per determinare la sopravvivenza globale ( OS ) tra pazienti con diverso tipo patologico.
È stato definito un nomogramma prognostico e la sua accuratezza predittiva e capacità discriminatoria sono state determinate dall'indice di concordanza ( indice C ).

In totale, sono stati identificati 462 pazienti con p-SGT, inclusi 315 pazienti con carcinoma mucoepidermoide ( MEC ), 139 pazienti con carcinoma adenoido-cistico ( ACC ) e 8 pazienti con carcinoma epiteliale-mioepiteliale ( EMC ).

I tassi di sopravvivenza globale a 1, 5, 10 e 20 anni dei pazienti con p-SGT sono stati, rispettivamente, pari a 79.6%, 68.5%, 62.7% e 56.3%.

L'analisi log-rank nella coorte abbinata ha mostrato una prognosi significativamente migliore per i pazienti con p-SGT rispetto a quelli con adenocarcinoma polmonare non-SGT ( P minore di 0.001 ).
La chirurgia diretta al cancro ha migliorato significativamente la sopravvivenza mediana globale ( P minore di 0.01 ).
La radioterapia non ha prolungato la sopravvivenza globale ( P=0.28, P=0.70 ).

L'analisi multivariata di Cox ha mostrato che l'età avanzata superiore a 58 anni, le lesioni più grandi, le metastasi e la scarsa differenziazione erano fattori prognostici indipendenti per una più ridotta sopravvivenza, mentre la chirurgia diretta al cancro era un fattore protettivo indipendente ( hazard ratio, HR=0.18 ).

I pazienti con carcinoma mucoepidermoide erano più giovani con tumori più piccoli, con un rapporto inferiore di linfonodi o metastasi distanti e con uno stadio precedente rispetto a quelli con carcinoma adenoido-cistico, e non vi era alcuna differenza significativa nella sopravvivenza tra i pazienti con carcinoma mucoepidermoide e con carcinoma adenoido-cistico.

Sei fattori prognostici indipendenti sono stati identificati e incorporati nel nomogramma ( indice C per la sopravvivenza=0.88 ).

In conclusione, i tumori delle ghiandole salivari polmonari sono rari; l'età avanzata, le lesioni più grandi, le metastasi, la scarsa differenziazione e la chirurgia diretta al cancro sono indipendentemente associati alla prognosi.
La rilevazione e la diagnosi in fase precoce aumenta la sopravvivenza globale per questi pazienti. ( Xagena )

Qin BD et al, Lung Cancer 2018; 126: 174-181

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro