Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis
OncoHub

LAG-3 nel cancro polmonare non-a-piccole cellule: l’espressione nei tumori primari e nei linfonodi metastatici è associata a una migliore sopravvivenza


Il gene di attivazione dei linfociti 3 ( LAG-3 ) è un recettore del checkpoint immunitario e un bersaglio terapeutico putativo nel cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

È stato esaminato l'effetto prognostico dei linfociti infiltranti il ​​tumore ( TIL ) LAG-3+ in tumori primari e linfonodi metastatici nel tumore NSCLC, e il suo potenziale per l'inclusione in un punteggio immunitario, integrando la classificazione TNM.

Sono stati raccolti campioni di tessuto tumorale primario da 553 pazienti con tumore NSCLC in stadio I-IIIB e 143 corrispondenti linfonodi metastatici.
L'espressione di LAG-3 è stata valutata mediante immunoistochimica su campioni tissutali.

All'analisi univariata, i TIL LAG-3+ nei compartimenti intraepiteliale e stromale dei tumori primari e nei compartimenti intraepiteliale ed extraepiteliale dei linfonodi metastatici sono stati associati a un miglioramento della sopravvivenza specifica per malattia ( DSS ).

All'analisi multivariata, i TIL LAG-3+ stromali erano predittori indipendenti significativi di migliorata sopravvivenza specifica per malattia ( hazard ratio, HR=0.59, P=0.002 ).
I TIL LAG-3+ stromali non hanno avuto un impatto prognostico su tutte le fasi patologiche.

Nei linfonodi metastatici, i TIL LAG-3+ intraepiteliali ( HR=0.61, P=0.049 ) ed extraepiteliali ( HR=0.54, P minore di 0.001 ) sono stati associati indipendentemente con sopravvivenza specifica per malattia favorevole.

In conclusione, i TIL LAG-3+ sono un fattore prognostico positivo indipendente nel tumore NSCLC in stadio I-IIIB.
LAG-3 nei linfonodi metastatici è un candidato marcatore per l’inclusione in un punteggio immunitario nel tumore al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena )

Hald SM et al, Clinical Lung Cancer 2018; 19: 249-259.e2

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro