OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito
Roche Oncologia

Mobocertinib nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico e mutazione di EGFR con inserzione dell'esone 20, trattati in precedenza con chemioterapia a base di Platino


Nuovi dati dallo studio di fase 1/2 di Mobocertinib somministrato per via orale a pazienti precedentemente trattati con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule metastatico ( mNSCLC ) e mutazione nel gene del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) con inserzione dell'esone 20, sono stati presentati all'International Association for the Study of Lung Cancer ( IASLC ) 2020 World Conference on Lung Cancer ( WCLC ).

Mobocertinib ha dimostrato risposte clinicamente significative e una durata di risposta degna di nota nei pazienti con tumore NSCLC metastatico e mutazione di EGFR con inserimento dell'esone 20, che avevano ricevuto una precedente terapia a base di Platino.

L'analisi dei pazienti pretrattati con Platino ha incluso i pazienti che avevano preso parte allo studio di fase 1/2. Tutti i pazienti sono stati trattati per os con la dose di 160 mg una volta al giorno.

I risultati chiave di questa popolazione ( n = 144 ) sono stati:

a) tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato dallo sperimentatore: 35% ( 40/114; IC 95%, 26-45 ); tasso ORR confermato da IRC [ Comitato di revisione indipendente ]: 28% ( 32/114; IC 95% 20-37 );

b) durata mediana della risposta ( DoR ) secondo IRC: 17.5 mesi ( IC 95%, 7.4-20.3 );

c) sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana secondo IRC: 7.3 mesi ( IC 95%, 5.5-9.2 );

d) tasso di controllo della malattia ( DCR ) secondo IRC: 78% ( 89/114; IC 95%, 69-85 ).

Il profilo di sicurezza osservato è risultato gestibile. Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni ( TRAE; 20% o più ) nei pazienti pretrattati con Platino dal cutoff dei dati di maggio sono stati: diarrea ( 90% ), eruzione cutanea ( 45% ), paronichia ( 34% ), nausea ( 32% ), diminuzione dell'appetito ( 32% ), secchezza della pelle ( 30% ) e vomito ( 30% ).
Eventi TRAE di grado maggiore o uguale a 3 ( 5% o più ) hanno incluso diarrea ( 21% ).
19 pazienti ( 17% ) hanno interrotto il trattamento a causa di effetti avversi, più comunemente diarrea ( 4% ) e nausea ( 4% ).
Il profilo di sicurezza del cutoff dei dati di novembre è risultato coerente con quello del cutoff dei dati di maggio.

L'obiettivo dello studio di fase 1/2 era la valutazione della sicurezza, farmacocinetica e attività antitumorale di Mobocertinib orale nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule.
Lo studio comprende una fase 1 con incremento della dose, con valutazione di Mobocertinib in monoterapia e in combinazione con la chemioterapia, e una fase 2 di espansione, divisa in sette coorti, nonché una coorte di estensione, che studia l'attività antitumorale di Mobocertinib in varie popolazioni.

L'analisi della popolazione pretrattata con Platino ha esaminato 114 pazienti con tumore NSCLC metastatico EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20, che hanno ricevuto Mobocertinib alla dose di 160 mg una volta al giorno.
La coorte di estensione di fase 2, nota come EXCLAIM, ha studiato 96 pazienti con tumore mNSCLC EGFR-mutato con inserimento dell'esone 20, precedentemente trattati, che hanno ricevuto Mobocertinib alla dose di 160 mg una volta al giorno.

Il cancro del polmone non-a-piccole cellule è la forma più comune di tumore polmonare, rappresentando circa l'85% di 1.8 milioni di nuovi casi stimati di cancro ai polmoni diagnosticati ogni anno in tutto il mondo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ).
I pazienti affetti da tumore NSCLC metastatico EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20 costituiscono circa l'1-2% dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, e la malattia è più comune nelle popolazioni asiatiche rispetto alle popolazioni occidentali.
Questa malattia comporta una prognosi peggiore rispetto ad altre mutazioni di EGFR perché attualmente non ci sono terapie approvate che hanno come bersaglio gli inserimenti dell'esone20; gli attuali inibitori della tirosin-chinasi di EGFR e la chemioterapia forniscono un beneficio limitato per questi pazienti.
La malattia polmonare EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20, a livello mondiale, viene diagnosticata a circa 30.000 persone. ( Xagena )

Fonte: Riely GJ et al, Cancer Discov 2021; Online ahead of print

Xagena_OncoPneumologia_2021



Indietro