Novartis
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
OncoHub

Pembrolizumab più chemioterapia nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule squamoso metastatico: analisi finale secondo protocollo di KEYNOTE-407


Nello studio randomizzato KEYNOTE-407, Pembrolizumab ( Keytruda ) più Carboplatino e Paclitaxel / nab-Paclitaxel ( chemioterapia ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al placebo più chemioterapia nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) squamoso, metastatico, precedentemente non-trattati.

Sono stati riportati i risultati di efficacia aggiornati dell'analisi finale secondo protocollo e, per la prima volta, la progressione durante la successiva linea di trattamento.

I pazienti idonei sono stati randomizzati alla chemioterapia più Pembrolizumab ( n = 278 ) oppure a placebo associato a chemioterapia ( n = 281 ).

Dopo i risultati positivi della seconda analisi ad interim, i pazienti che ancora ricevevano placebo potevano passare alla monoterapia con Pembrolizumab al momento della conferma della progressione della malattia.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
La PFS-2 ( tempo dalla randomizzazione alla progressione durante successivo trattamento / decesso, a seconda di quale evento si fosse verificato per primo ) era un endpoint esplorativo.

Dopo il follow-up mediano ( intervallo ) di 14.3 ( 0.1-31.3 ) mesi, Pembrolizumab più chemioterapia ha continuato a mostrare un miglioramento clinicamente significativo rispetto al placebo più chemioterapia nella sopravvivenza globale ( mediana, 17.1 mesi [ intervallo di confidenza [ IC ] al 95%: 14.4‒ 19.9 ] rispetto a 11.6 mesi [ IC 95%: 10.1‒13.7 ]; hazard ratio [ HR ], 0.71 [ IC 95%: 0.58‒0.88 ] ) e sopravvivenza libera da progressione ( mediana, 8.0 mesi [ IC 95%: 6.3‒8.4 ] rispetto a 5.1 mesi [ IC 95%: 4.3‒6.0 ]; HR, 0.57 [ IC 95%: 0.47‒0.69 ] ).
La sopravvivenza PFS-2 è risultata più lunga per i pazienti randomizzati a Pembrolizumab di prima linea più chemioterapia ( HR, 0.59 [ IC 95%: 0.49‒0.72 ] ).

Eventi avversi di grado da 3 a 5 si sono verificati nel 74.1% e nel 69.6% dei pazienti trattati rispettivamente con Pembrolizumab più chemioterapia e placebo più chemioterapia.

In conclusione, Pembrolizumab più chemioterapia ha continuato a mostrare una sopravvivenza globale sostanzialmente migliorata e una sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule squamoso metastatico.
La sopravvivenza PFS-2 ha fornito elementi a sostegno di Pembrolizumab più chemioterapia come trattamento standard di prima linea nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule squamoso metastatico. ( Xagena )

Paz-Ares L et al, J Thorac Oncol 2020; 15: 1657-1669

Xagena_OncoPneumologia_2020



Indietro