Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore Vescica
OncoDermatologia

Tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK+ avanzato: risultati di sicurezza e attività clinica di Alectinib più Atezolizumab


Alectinib ( Alecensa ) ha dimostrato efficacia sistemica e a livello dle sistema nervoso centrale ( SNC ) nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK+ in fase avanzata ( studio ALEX ).
La morte delle cellule tumorali causata da Alectinib può liberare antigeni che ampliano la potenziale risposta anti-tumorale delle cellule T. 

L'anticorpo monoclonale Atezolizumab ( Tecentriq ) rilascia la soppressione delle cellule T inibendo il legame PD-L1 e migliora la sopravvivenza generale ( OS ) nel trattamento di seconda linea per il tumore NSCLC.

Si è ipotizzato che Atezolizumab in combinazione con Alectinib possa aumentare l'efficacia del trattamento.
Uno studio di fase Ib ha arruolato pazienti naive-al-trattamento con tumore NSCLC ALK+, avanzato, indipendentemente dallo stato di PD-L1, compresi i pazienti con metastasi cerebrali asintomatiche non-trattate.

I pazienti hanno ricevuto Alectinib 600 mg per os 2 volte al giorno per 7 giorni ( valutazione di sicurezza ), seguito da Alectinib 600 mg per os 2 volte al giorno con Atezolizumab 1.200 mg per via endovenosa ( IV ) ogni 3 settimane ( stadio di espansione ) fino a progressione o tossicità inaccettabile.

L'obiettivo principale era valutare la sicurezza e la tollerabilità della combinazione. Gli obiettivi secondari includevano la valutazione della risposta del tumore ( ORR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1.

Al cut-off nel 2017, 21 pazienti ( stadio di sicurezza n=7, stadio di espansione n=14 ) che hanno ricevuto una dose o più di Alectinib o Atezolizumab sono stati considerati valutabili per la sicurezza.
L'età media dei pazienti era di 53 anni.

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o superiori è stata del 62% ( 52.4% correlato al trattamento ) e del 33%, rispettivamente.
Non sono stati segnalati effetti avversi di grado 4-5.

4 pazienti ( 19% ) hanno interrotto Atezolizumab e 2 pazienti ( 10% ) hanno interrotto Alectinib a causa degli effetti avversi.
14 pazienti ( 67% ) hanno interrotto / modificato la dose di Alectinib.

Non sono state osservate tossicità dose-limitanti.

A un follow up mediano di 13 mesi, il tasso di risposta obiettiva è stato dell'81%; la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 21.7 mesi, la durata mediana della risposta è stata di 20.3 mesi; tuttavia, solo 6 punti erano progrediti al momento del cut-off dei dati.
È stato osservato un aumento delle cellule T CD8+ durante il trattamento dopo il run-in con Alectinib.

In conclusione, la combinazione a dose completa di Alectinib e Atezolizumab sembra avere un profilo di sicurezza accettabile senza nuovi riscontri di sicurezza per nessuno dei due agenti.
I primi risultati di efficacia sono incoraggianti, ma è necessario un ulteriore follow-up per definire il ruolo di questa combinazione nei pazienti con tumore NSCLC ALK+ naive-al-trattamento. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology - ASCO Meeting, 2018

Xagena_OncoPneumologia_2018



Indietro