Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore rene
Melanome

Uso continuo di Afatinib con l'aggiunta di Cetuximab dopo progressione con Afatinib in pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule EGFR+ e resistenza acquisita a Gefitinib o Erlotinib


In uno studio di fase Ib, Afatinib ( Giotrif ) più Cetuximab ( Erbitux ) ha dimostrato una promettente attività clinica ( tasso di risposta obiettiva, ORR=29%, sopravvivenza libera da progressione mediana PFS: 4.7 mesi ) in pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo alla mutazione del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) con resistenza acquisita a Erlotinib o Gefitinib.

Sono stati riportati i risultati di una coorte separata che ha utilizzato Afatinib più Cetuximab dopo la progressione con Afatinib.

I pazienti con tumore NSCLC positivo alla mutazione di EGFR il cui tumore ha mostrato progressione durante l’uso di Erlotinib o Gefitinib hanno ricevuto Afatinib 40 mg al giorno fino a progressione, seguito da Afatinib ogni giorno più Cetuximab 500 mg/m2 ogni 2 settimane fino a progressione o eventi avversi intollerabili.

Gli endpoint hanno incluso sicurezza, tasso di risposta obiettiva e sopravvivenza libera da progressione.

Afatinib in monoterapia è stato somministrato a 37 pazienti. 2 pazienti ( 5% ) hanno risposto; la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.7 mesi.

36 pazienti sono passati ad Afatinib più Cetuximab. 4 pazienti ( 11% ) hanno risposto; la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.9 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione con Afatinib più Cetuximab nei pazienti che hanno ricevuto Afatinib in monoterapia per 12 o più settimane rispetto a meno di 12 settimane è stata di 4.9 mesi rispetto a 1.8 mesi ( P=0.0354 ) e per i pazienti con tumori T790M-positivi rispetto a tumori T790M-negativi è stata di 4.8 mesi rispetto a 1.8 mesi ( P=0.1306 ).

Il 50% dei pazienti che ha ricevuto Afatinib più Cetuximab ha manifestato eventi avversi di grado 3/4 correlati al farmaco.
Gli eventi avversi correlati al farmaco più frequenti di qualsiasi grado sono stati: diarrea ( 70% ), rash ( 49% ) e affaticamento ( 35% ) con Afatinib in monoterapia ed eruzione cutanea ( 69% ), paronichia ( 39% ) e pelle secca ( 36% ) con Afatinib più Cetuximab.

In conclusione, il blocco sequenziale di EGFR con Afatinib seguito da Afatinib più Cetuximab ha mostrato un prevedibile profilo di sicurezza e ha dimostrato una modesta attività in pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule positivo alla mutazione EGFR con resistenza a Erlotinib o Gefitinib. ( Xagena2017 )

Horn L et al, Lung Cancer 2017; 113: 51-58

Xagena_OncoPneumologia_2017



Indietro